Attività e competenze Polizia Locale

FUNZIONI DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE
Ai Corpi e Servizi di Polizia Locale, la legge assegna le seguenti funzioni:
  • Funzioni di Polizia Giudiziaria, rivestendo la qualifica di Agente o Ufficiale di Polizia Giudiziaria, a seconda che trattasi di operatore o responsabile del Corpo;
  • Funzioni di polizia stradale;
  • Funzioni di polizia amministrativa;
  • Funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza;

Oltre alle funzioni classificate dalle leggi, molti sono i compiti espletati dagli operatori della Polizia Locale quali, per esempio, il servizio alle scuole, i vari tipi di accertamento, la collaborazione con i medici in caso di T.S.O. e, inoltre, una serie di attività non istituzionali e di informazione sui temi più svariati.

Il Corpo di Polizia Municipale del Comune di Gavardo, è il più immediato e diretto collegamento fra la cittadinanza e la sua amministrazione. In quest'ottica si identificano i principali campi d'intervento della Polizia Municipale:
  1. Vigilanza in materia di regolamenti e provvedimenti adottati dall'Amministrazione comunale;
  2. Disciplina della circolazione stradale, prevenzione e repressione degli illeciti   ad essa relativi;
  3. Educazione Stradale nelle scuole;
  4. Vigilanza in materia annonaria (vendite al minuto e all'ingrosso, somministrazione, ecc.) ed amministrativa;
  5. Collaborazione con l'apposita agenzia regionale (ARPA) in ordine alla vigilanza in materia ecologica nonché controlli diretti in materia di emissioni sonore e sul possesso dei titoli autorizzatori relativi all'esercizio di attività insalubri;
  6. Prevenzione e repressione dei reati nelle materie ad essa assegnate ed espletamento delle indagini delegate dall'Autorità Giudiziaria;
  7. Vigilanza in materia di edilizia;
  8. Attività di informazione e collaborazione con gli uffici dell'amministrazione preposti all'erogazione dei sussidi assistenziali;
  9. Notificazione di atti;
  10. Collaborazione con le altre forze di Polizia nel controllo del territorio.
Infine, la Polizia Locale interviene nei casi di calamità naturali, con compiti di protezione civile.
Di seguito sono descritti in maggior dettaglio alcuni tra i servizi destinati a mantenere stretto e vivo il legame con il cittadino, e avvertiti dallo stesso come i più “vicini” alle sue esigenze e necessità:

GLI ACCERTAMENTI

Il Corpo di polizia svolge attività di accertamento in parte per gli Uffici esterni (Tribunale, Prefettura, Questura ecc.) ed in parte per il completamento delle pratiche amministrative di competenza degli uffici comunali (anagrafe, commercio, edilizia, ecc.

LA POLIZIA URBANA

Servizio che attende alla tutela dell’integrità del pubblico demanio comunale e a quella di un decoroso svolgimento della vita pubblica nonché alla garanzia delle libertà dei singoli cittadini, alla loro sicurezza e al disciplinato andamento dei pubblici servizi, comprendendo normalmente i seguenti gruppi di norme di cui si dà un breve stralcio e che sono contenute integralmente nel Regolamento di Polizia Urbana.
Sicurezza e qualità dell’ambiente urbano: concerne la manutenzione e la stabilità degli edifici sia privati che pubblici; il divieto di abbandono dei rifiuti e l’obbligo di utilizzo dei contenitori e/o centri predisposti per la raccolta differenziata, il divieto di esposizione di alcune merci sul suolo pubblico; il divieto di deturpare le facciate delle case, dei monumenti, dei giardini e dei viali; norme per la salvaguardia del verde pubblico e privato.
Uso del suolo pubblico: controllo per le occupazioni temporanee del suolo pubblico per l’effettuazione di traslochi, carico e scarico di materiali (merci varie, legna da ardere, ecc.) e per le autorizzazioni in occasione di spettacoli viaggianti; installazione di strutture pubblicitarie, manifestazioni; rimozione di opere abusive...
Quiete pubblica e privata: divieto di suoni e schiamazzi nelle pubbliche vie; condizioni e limiti per l’impianto e l’esercizio di industrie rumorose ed incomode; rumori e suoni negli esercizi pubblici, nelle ore notturne; nelle private abitazioni, limiti all’uso delle apparecchiature ad uso domestico che producono rumore, degli apparecchi televisivi e radiofonici, di strumenti musicali; norme per i dispositivi acustici antifurto; inquinamento acustico in generale.
Protezione e tutela degli animali: divieto di abbandono degli animali domestici; protezione della fauna selvatica; divieto di detenere animalimolesti; l’obbligo di condurre i cani al guinzaglio e muniti di museruola; l’obbligo di munirsi di idonea attrezzatura per la raccolta delle deiezioni; divieti e limiti per la detenzioni di animali di allevamento; misure di cattura e monitoraggio sanitario per gli animali liberi, in collaborazione con il personale ASL del Servizio di Medicina Veterinaria.
Esercizi Pubblici: norme relative all’obbligo di esposizione di tabelle recanti menù e prezzi; l’obbligo di essere dotati di servizi igienici da tenersi a disposizione degli utenti.

LA POLIZIA RURALE

Ha lo scopo di assicurare, nel territorio esterno all’abitato, l’utilizzo regolare del diritto di uso civico sui territori montani e per quanto concerne l’ applicazione delle leggi, dei regolamenti e di ogni altra disposizione che interessi in genere la cultura agraria, e di concorrere alla tutela dei diritti dei privati che abbiano relazione con la cultura medesima. Principalmente la Polizia Municipale tende ad esercitare un maggiore controllo sulle norme contenute nel regolamento degli usi civici, riguardanti le consuetudini e gli usi civici che si possono esercitare sul territorio comunale, dalla raccolta di tutti i prodotti spontanei della terra, ossia funghi e tartufi ( con le modalità previste dalla nuova regolamentazione), fragole, origano e piante spontanee, non protette da leggi speciali; legnare sul secco e sul morto; l’uso del pascolo e delle acque per abbeverare gli animali; il Regolamento per l’esercizio delle consuetudini , inoltre, disciplina dettagliatamente le modalità di esercizio degli usi civici per la salvaguardia del patrimonio comunale e la tutela dell’ecosistema naturale;Alcune delle materie sopra menzionate sono attualmente disciplinate dal Codice Penale. In riferimento a quanto sopra esposto, gli addetti alla Polizia Municipale realizzano un servizio di vigilanza e di controllo sia in modo autonomo, cioè di propria iniziativa, che su segnalazione dei cittadini, essendo il Comando di Polizia Municipale punto di riferimento, di incontro e di colloquio diretto ed immediato tra la popolazione e l’Ente.

I SERVIZI DI POLIZIA STRADALE

Costituiscono servizi di polizia stradale:
  • la prevenzione e l’accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, programmazione di servizi di vigilanza e pattugliamenti del territorio sia urbano che extra-urbano, compreso la cura e la gestione dei verbali, successiva alla loro redazione (notifiche, riscossione, trattazione ricorsi, messa a ruolo, ecc...);
  • la rilevazione degli incidenti stradali, consistente nell’esecuzione di tutti gli accertamenti tecnici, dei rilievi, degli ulteriori accertamenti successivi (prove testimoniali, dichiarazioni delle parti, ecc. ) utili alla ricostruzione della dinamica dell’incidente, con il conseguente accertamento delle eventuali violazioni commesse dalle parti, curando in seguito l’invio, se necessario, degli atti all’Autorità Giudiziaria e le eventuali pratiche di richiesta di copie dei verbali prodotte dagli interessati;
  • la predisposizione e l’esecuzione dei servizi diretti a regolare il traffico e atti ad agevolare lo scorrimento della circolazione sia dei veicoli che dei pedoni;
  • la scorta per la sicurezza della circolazione, in riferimento ai trasporti;
  • la tutela ed il controllo sull’uso delle strade, servizio che è diretto a garantire che la strada venga usata con modalità consone al fine principale cui la stessa deve assolvere, cioè la circolazione veicolare e pedonale, garantendo l’osservanza del Codice della Strada.

LA VIGILANZA SCOLASTICA E L'EDUCAZIONE STRADALE

Il servizio di viabilità espletato dagli agenti presso le Scuole Elementari all’entrata e all’uscita dalla scuola dei bambini.
La Polizia Locale interviene anche nelle scuole con lezioni di educazione stradale per l’apprendimento delle principali regole che riguardano il pedone, ciclista e ciclomotorista.

VIOLAZIONE DI LEGGI E REGOLAMENTI SPECIALI

La Polizia Locale, oltre ad assicurare il controllo della circolazione e il rispetto del Codice della Strada, svolge compiti di polizia edilizia, annonaria, ambientale e amministrativa che comportano l’applicazione di numerosi leggi e regolamenti.
Ad essa spetta, tra l’altro, il compito di far rispettare tutti i regolamenti comunali e le ordinanze del Sindaco.

L’ATTIVITA’ MERCATALE

Consiste nell’espletamento di tutte quelle attività inerenti il controllo degli esercenti il commercio su area pubblica.
Tali molteplici attività vanno dalla rilevazione delle presenze e assegnazione dei posti resisi vacanti per assenza del titolare, al controllo delle autorizzazioni amministrative per l’esercizio delle attività, alla verifica del rispetto della normativa sul peso netto, sull’esposizione dei prezzi, e sulle tipologie dei prodotti venduti sino ad arrivare al controllo delle norme di carattere igienico-sanitario quali il possesso del libretto sanitario, la pulizia e l’uso degli indumenti prescritti e il rispetto delle norme sull’esposizione dei prodotti alimentari deteriorabili.
Viene inoltre effettuata la vigilanza sulla mostra-mercato dell’antiquariato che si tiene il secondo sabato di ogni mese.
Si ritiene quì utile ricordare al cittadino quanto segue:

QUANDO TI TROVI NEI MERCATI, NEI GRANDI MAGAZZINI, OVUNQUE VI SIA UN LUOGO AFFOLLATO, O PER LA STRADA, OSSERVA LE SEGUENTI PRECAUZIONI:

  1. assicurati che eventuali zaini, borselli e borsette siano sempre chiusi;
  2. quando cammini sul marciapiede fa si che zaini, borselli e borsette siano sempre rivolti verso il lato opposto rispetto alla strada;
  3. se puoi conserva il portafoglio in un luogo diverso da tali contenitori, o dalle tasche posteriori, in particolar modo se lo stesso contiene i tuoi documenti personali;
  4. diffida di chiunque ti chieda di cambiare banconote di grosso taglio e non esporre alla mercé del malfattore il tuo portafoglio, potresti diventare la potenziale vittima di uno scippo.
In caso di necessità, o se assisti ad un borseggio, rivolgiti immediatamente alla polizia municipale, personalmente oppure telefonando al numero 0365.377.452 , oppure al numero 335.68.38.026 ; ti verrà garantita immediata assistenza.

LA POLIZIA COMMERCIALE

La Polizia Municipale è tenuta ad una vigilanza diretta a verificare la regolarità della condotta degli esercenti la vendita, nelle varie forme stabilite dalla legge: commercio in sede fissa, commercio su aree pubbliche, somministrazione di alimenti e bevande. Tali compiti riguardano soprattutto i controlli relativi alle seguenti specifiche discipline: possesso dei documenti che legittimano l’attività commerciale, orari e giorni di vendita, pubblicità dei prezzi, vendite straordinarie, normativa sui pesi, norme e controlli per la tutela igienico – sanitaria degli alimenti e delle bevande, controllo delle autorizzazioni sanitarie, norme sull’etichettatura delle merci. Oltre al controllo dell’osservanza delle norme da parte dei commercianti il compito della polizia commerciale incide direttamente sulla tutela dei consumatori.

L’ATTIVITA’ DI POLIZIA GIUDIZIARIA

La polizia giudiziaria opera alle dipendenze dell’autorità giudiziaria e, gli operatori di P.G. sono responsabili verso il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente territorialmente rispetto a dove ha sede il servizio di polizia giudiziaria; tale dipendenza è confermata dalla legge anche per gli operatori di Polizia Municipale. Da tale dipendenza deriva per gli agenti e per gli ufficiali di polizia giudiziaria l’obbligo di riferire, di rapportarsi e di seguire le direttive del Pubblico Ministero per ogni ipotesi di reato accertato; inoltre, il Pubblico Ministero, può delegare, di solito ad un ufficiale di P.G., il compimento di atti o accertamenti specifici o, in modo più generico, quelli che si rendono necessari per giungere ad un risultato proficuo, con l’obbligo, in ogni caso, di riferire all’autorità delegante. L’autorità giudiziaria si avvale della Polizia Municipale anche per la notifica di atti giudiziari (notifica di P.G.) di vario tipo, che l’A.G. è tenuta a portare a conoscenza degli interessati. I principali atti di polizia giudiziaria, previsti dall’ordinamento penale anche per gli appartenenti alla Polizia Municipale, sono: l’assicurazione delle fonti di prova, l’identificazione delle persone nei cui confronti vengono svolte le indagini, e di altre persone comunque utili alle indagini, assunzione di sommarie informazioni delle persone nei cui confronti vengono svolte le indagini, assunzione di altre sommarie informazioni, perquisizioni personali o domiciliari, acquisizione di plichi o di corrispondenza, conservazione del corpo o delle tracce del reato, sequestro del corpo del reato e delle cose a questo pertinenti, arresto in flagranza di reato, sia esso obbligatorio o facoltativo così come previsto dalla legge, fermo delle persone gravemente indiziate per un delitto per il quale la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione non inferiore nel minimo a due anni e non superiore nel massimo a sei anni ovvero di un delitto concernente le armi da guerra e gli esplosivi, anche fuori dai casi di flagranza, quando vi è fondato sospetto di fuga, svolgimento di ogni indagine e attività disposta o delegata dall’autorità giudiziaria, esecuzione dell’ordine di accompagnamento dell’imputato,esecuzione dell’ordine di accompagnamento coattivo di altre persone (testimone, consulente tecnico, ecc. ecc.), notificazioni di atti ordinate dal giudice, notificazioni richieste dal Pubblico Ministero di atti nel corso delle indagini preliminari, esecuzione dell’ordine di cattura dell’imputato. Per quanto riguarda gli atti sopra riportati. il Codice di Procedura Penale pone una distinzione tra gli atti che gli ufficiali o gli agenti di P.G. possono compiere di loro iniziativa e gli atti che i medesimi devono compiere su disposizione o su delega dell’autorità giudiziaria. Gli operatori di P.G. dipendono, essendo anche diretti quando ritenuto opportuno, dall’autorità giudiziaria nonché sono tenuti all’obbligo del segreto degli atti che essi compiono e dei loro risultati.
L’attività di P.G. viene svolta d'iniziativa o su delega della Autorità Giudiziaria e comprende:
  • Notizie di reato all’Autorità Giudiziaria competente per territorio e materia
  • Accompagnamento di persone presso la Questura
  • Sequestri amministrativi
  • Sequestri penali
  • Fermi per identificazione
  • Guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti
  • Omissioni di soccorso in caso di incidenti stradali
  • Rifiuti di indicazione sulle proprie generalità
  • Resistenza a Pubblico Ufficiale
  • Furto
  • Danneggiamento
  • Ricettazione
  • Falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico

LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELL’ORDINE PUBBLICO

La Polizia Locale svolge l’attività di prevenzione e repressione degli illeciti di natura amministrativa e penale contro chi si rende responsabile di violazioni in materia di inquinamento acustico, idrico e del suolo.

LA VIGILANZA EDILIZIA

Questa è una materia in cui la Polizia Municipale si avvale, per motivi strettamente tecnici, dell’ausilio di personale dell’Ufficio Tecnico Comunale. La sfera della vigilanza urbanistico – edilizia ricade in parte nel campo della polizia amministrativa ed in parte, essendo alcuni abusi trattati dal Codice Penale, nel campo della polizia giudiziaria. L’azione della Polizia Municipale, nel settore edilizio, si svolge sia di propria iniziativa che dietro esposti presentati dai cittadini; il servizio viene espletato principalmente effettuando un costante controllo del territorio, verificando l’esistenza di atti autorizzativi, controllando la tenuta del cantiere (con uno sguardo attento alla sicurezza dei lavoratori) e la presenza delle previste misure di sicurezza, la presenza dei regolamentari cartelli, degli elaborati tecnici e di quanto altro la legge ed i regolamenti prevedono per la materia edilizia. Oltre al controllo del territorio, e quindi ad un lavoro espletato all’esterno, l’operatore di Polizia Municipale effettua anche un lavoro d’ufficio, quale il controllo delle pratiche tecniche ed amministrative legate all’oggetto dell’accertamento, la preparazione, nonché la trasmissione, degli atti relativi agli accertamenti effettuati alle competenti autorità amministrative e giudiziarie. In casi specifici, l’operatore di P.M. mette in atto tutta una serie di dispositivi urgenti atti a porre fine all’abuso edilizio, quali ad esempio: il fermo dei lavori, la chiusura di cantieri, i sequestri probatori o cautelativi, l’affissione di cartelli, la posa di sigilli, i rilievi fotografici, le indagini, ecc...

LA VIGILANZA AMBIENTALE

Il campo d’intervento della polizia ambientale è la tutela dell’ambiente nel senso più ampio del termine (aria, acqua, suolo, inquinamento acustico); esso è un settore che richiede specifiche competenze e che comporta un’attività di prevenzione e di controllo, attività ricadente sia nella sfera di competenza della polizia amministrativa che in quella della polizia giudiziaria (essendo frequenti i casi in cui si configurano veri e propri reati ambientali).Il personale della Polizia Municipale chiamato ad intervenire per problemi di natura ambientale deve garantire un primo accertamento, coinvolgendo senza indugio l’organo competente: in caso di intervento sollecito di quest’ultimo, esso si limita a relazionare su quanto svolto fino a quel momento e quindi gli ulteriori accertamenti sono demandati ad altri; in caso, invece, di mancato intervento di detto organo, il personale della P.M. porta avanti i controlli ponendo in atto tutta una serie di interventi usufruendo, quando del caso, anche dell’ausilio di personale tecnico specializzato esterno al Comando. E’ necessario, comunque, che vengano inoltrate al più presto tutte le segnalazioni agli organi competenti al controllo, nonché agli enti che possono o debbono adottare provvedimenti in conseguenza di quanto accertato. Nel caso di ipotesi di reato, il Comando di P.M. deve mettere in atto ulteriori provvedimenti cautelativi quali il sequestro del bene o della cosa in genere che ha provocato e/o provoca ancora l’inquinamento; in questo caso, il Comando, deve anche provvedere ad informare la competente Procura della Repubblica (notizia di reato, convalida di sequestro, atti d’indagine, ecc...).

LA POLIZIA SANITARIA

E' un’attività legata alla tutela della salute dei cittadini; è una disciplina molto ampia che può, per motivi pratici, essere suddivisa in tre parti fondamentali: polizia sanitaria in senso stretto, polizia mortuaria e polizia veterinaria. Polizia sanitaria in senso stretto – riguarda fondamentalmente quanto legato alle norme contenute nel Testo Unico delle leggi sanitarie, riguardanti la produzione e la vendita delle sostanze alimentari e delle bevande, la lotta contro le mosche e, ricadendo nel settore ambientale, quelle sull’inquinamento atmosferico ed acustico, del suolo e delle acque, includendo il prelevamento di campioni. I compiti possono essere così raggruppati:
  1. vigilanza sulle condizioni igieniche del suolo, degli aggregati urbani e rurali e delle abitazioni, sulla salubrità delle bevande e delle sostanze alimentari, sui mercati e sui pubblici esercizi;
  2. ispezioni disposte dagli organi preposti al servizio sanitario delle A. S. L.;
  3. vigilanza sulla esecuzione delle misure disposte per la profilassi delle malattie infettive;
  4. vigilanza igienico – sanitaria in generale, come prescritto dalle leggi.

LA POLIZIA MORTUARIA

Riguarda, oltre a quanto disposto nel Testo Unico delle leggi sanitarie, quanto riportato nel Regolamento di polizia mortuaria. In generale, riguarda la vigilanza di quanto legato all’area cimiteriale (inumazioni, tumulazioni, esumazioni, estumulazioni, ecc. ), nonché sul trasporto delle salme.

LA POLIZIA VETERINARIA

La polizia veterinaria mira alla conservazione del patrimonio zootecnico, prevenendo e combattendo le malattie infettive e diffusive degli animali nonché le ripercussioni che dalla sanità degli animali derivano alla salute dell’uomo. I servizi di polizia veterinaria sono volti essenzialmente:
a)     a far rispettare i provvedimenti del Sindaco, o di altra autorità preposta, in materia di polizia veterinaria;
b)     a vigilare sulla tenuta degli animali domestici e sul modo di condurli negli spazi pubblici (museruola, guinzaglio, ecc...);
c)     a provvedere ad attivare il servizio di cattura dei cani randagi da parte della ASL
         competente e alla custodia degli stessi.
 
.

LA POLIZIA VETERINARIA

La polizia veterinaria mira alla conservazione del patrimonio zootecnico, prevenendo e combattendo le malattie infettive e diffusive degli animali nonché le ripercussioni che dalla sanità degli animali derivano alla salute dell’uomo. I servizi di polizia veterinaria sono volti essenzialmente:
a)     a far rispettare i provvedimenti del Sindaco, o di altra autorità preposta, in materia di polizia veterinaria;
b)     a vigilare sulla tenuta degli animali domestici e sul modo di condurli negli spazi pubblici (museruola, guinzaglio, ecc...);
c)     a provvedere ad attivare il servizio di cattura dei cani randagi da parte della ASL
         competente e alla custodia degli stessi